Monthly Archives: aprile 2010

iConcerto

Vedere un concerto su un telefonino. Non è una novità. Però se è di Vasco, e se è sull’iPhone… Due “marchi”, due garanzie.

Il tutto si è svolto ieri sera, attraverso iVasco, l’applicazione ufficiale di cui si è parlato diverse volte da queste parti. Ecco come è funzionato.
Innanzittutto bisognava scaricare l’applicazione da iTunes, al costo di 4 euro. iVasco, va detto, da quando è stata lanciata mesi fa, è migliorata molto: ha aggiunto contenuti, soprattutto video. Una volta aperta l’applicazione, verso le 9 è comparso sulla pagina di apertura una scritta sulla pagina principale: “Tocca qui per il concerto live di Torino!!!”. Facendolo, si apriva il player video dell’iPhone, con le immagini del concerto dal PalaIsozaki.
Lo streaming funzionava sia via connessione telefonica 3G che collegando il telefono ad una rete wi-fi. Soprattutto nel primo caso non era semplicissimo “agganciare” lo streaming nonostante si fosse in buona copertura, con risultati come quello della schermata che vedete sotto. Anche via wi-fi la connessione era un po’ ballerina, con frequenti interruzioni e perdite del contatto. Ma la qualità visiva del concerto era più che dignitosa, come quella audio. Verso le 10.40, dopo un’ora e mezza di concerto, e appena terminata una bella e intensa versione de “Il mondo che vorrei”, il collegamento si interrompe e ritorna la schermata principale. Dopo poco compare un messaggio di ringraziamento. Purtroppo, ora non è più possibile vederlo in differita.

E’ chiaro che in un caso come questo la novità è il mezzo, non il contenuto: onore a Vasco e al suo team per avere messo in piedi l’esperimento, che può dirsi riuscito sotto il profilo tecnico .

Detto questo, in sé la cosa non è una grande novità: i concerti in streaming ormai sono una realtà consolidata, e non solo sui PC. Il primo concerto in streaming su iPhone si è svolto un anno fa, e lo hanno messo in piedi gli Underworld (quelli di “Born slippy”, per intenderci), direttamente con la Apple, senza usare un’app a pagamento ma appoggiandosi su Safari, il browser web dell’iPhone.

Ecco, l’unica cosa che stride un po’ in tutto questo bell’esperimento, è che fosse a pagamento. E’ vero, i costi di realizzazione di prodotti come questi sono elevati. Ma 4 euro sono tanti per un’App promozionale, in un mercato come l’App Store dove regna il gratis (o il costo minimo, 79 centesimi).  In questa ottica, quello di iVasco è appunto un esperimento, non un modello da seguire: perché in Italia sono veramente pochi gli artisti che si possono permettere di far pagare un biglietto per vedere un concerto su un telefonino.

1 Comment

Filed under Concerti, iPhone

Ligabue sull’iPhone (a pagamento pure lui)

In questi giorni è silenziosamente arrivata su iTunes iLiga, l’applicazione per iPhone di Ligabue. La produce Digital Bees, la stessa azienda che ha lavorato ad iVasco. Che a sua volta è stata da poco aggiornata, e che il 21 aprile offrirà finalmente un contenuto esclusivo come si deve: un intero concerto in streaming, da Torino.

La strategia di iLiga è simile a quella di iVasco nelle sue prime incarnazioni. Ovvero qualche contenuto esclusivo (4 video, tra cui il backstage del clip di “Un colpo all’anima” e un paio di brani live, wallpaper e suonerie, che però richiedono un invio via mail), qualche possibilità di interazione tra fan (la più carina è quella di registrare e condividere file audio con i propri “credo”, sul modello del famoso monologo di “Radiofreccia”), buona parte dei contenuti ripresi dal sito ufficiale, tra cui anche la webradio del Liga, il tutto con una bella interfaccia touch.

Queste applicazioni sono a pagamento: 3 euro nel caso iLiga, 4 nel caso di iVasco (prezzo stabilito mesi fa,  prima dell’offerta del concerto in streaming, e prima dei contenuti aggiunti in seguito: video, interviste..).

In quel piccolo microsmo economico che è l’App Store, 3 o 4 euro per un’applicazione sono un prezzo ragguardevole. Negli Stati Uniti applicazioni come queste vengono regalate, anche da artisti di primo piano, e spesso con contenuti ben più importanti (si pensi al caso dei Nine Inch Nails, che hanno lo streaming dell’intero catalogo). Fare un’App è considerata promozione, esattamente come mettere in piedi un sito, o realizzare un videoclip. Un investimento ripagato dalla visibilità che genera. Nel caso di iLiga e iVasco, invece, il costo di realizzazione viene fatto pagare direttamente all’utente, a fronte di pochi contenuti esclusivi e molti già reperbili in rete.

Peraltro, gli artisti italiani che hanno un’app si contano sulle dita di una mano. Attualmente ce ne sono altri 3, oltre ai Bastard Sons Of Dioniso, che furono i primi, ma che hanno rimosso la loro App. L’unica altra  a pagamento è qulla di Andrea Bocelli: 1,59 € per un App basata sulla piattaforma iLike (che permette la realizzazione secondo un modello standardizzato, praticamente a costo zero). Anche l’indipendente Paolo Toso usa la stessa piattaforma,  per la sua applicazione gratuita. E poi c’è Simone Cristicchi con un’applicazione più elaborata, con contenuti paragonabili ad iLiga, ma gratis.

Ma Vasco e Ligabue, con le loro applicazioni, giocano in un altro campionato.

1 Comment

Filed under iPhone, iTunes, MusicBusiness & Technology

Soundgarden, tornate insieme (eh, son tornati pure loro…)

Il premio “reunion più attesa dell’anno” ha diversi pretendenti. In Italia, ci sono i Litifiba. In America, se la giocano tra i Pavement (che hanno i loro grandi elettori tra gli indie e gli indiesnob) e i Soundgarden (con i nostalgici degli anni ’90, grunge e dintorni).

Alla fine, Chris Cornell e soci sono tornati sul palco pure loro, dopo l’annuncio di capodanno. Uno show – più o meno segreto  – allo Showbox di Seattle di fronte a mille persone venerdì scorso, in attesa di un tour di cui non si sa praticamente nulla.

La scaletta  dà molto spazio a cose pre-“Black hole sun”, tipo questa “Hunted down”, e si chiude con una cover dei Doors. Su YouTube non si trovano video decenti. Qua c’è solo l’audio, ma vale la pena comunque.

Ecco la scaletta, riportata da Billboard:

Spoonman
Gun
Searching With My Good Eye Closed
Rusty Cage
Beyond The Wheel
Flower
Ugly Truth
Fell On Black Days
Hunted Down
Nothing To Say
Loud Love
Blow Up The Outside World
Pretty Noose
Outshined
Slaves and Bulldozers

Encore:

Get On The Snake
Big Dumb Sex
Waiting For The Sun

2 Comments

Filed under Concerti, Reunion

Record Store Day

Oggi è il Record Store Day, il giorno in cui si celebra l’importanza dei negozi di dischi, quelli in cui più di una generazione è cresciuta scoprendo musica, quelli che le nuove generazioni quasi non conoscono.

L’iniziativa è soprattutto americana, anche se nella lista di negozi aderenti ci sono diversi italiani. Come ormai avviene da diversi anni, molti artisti hanno annunciato pubblicazioni esclusive per l’occasione: qua c’è la lista completa, e qui sotto un video di presentazione. Nella mia lista dei desideri c’è ovviamente il singolo inedito dei Blur, ma soprattutto la riedizione in vinile colorato di “Chronic town”, il primo EP dei R.E.M., e quella con 8 inediti di “Kicking television”, il live dei Wilco, e soprattutto il nuovo disco di Josh Ritter, che viene pubblicato oggi in vinile, e arriverà in versione CD/digitale solo tra qualche tempo.

UPDATE del giorno dopo: Ieri in rete era tutto un parlare del Record Store Day. Fabio DeLuca, dal suo blog, parla di “Ottomarzismo applicato” alla musica, e ha ragione. Bisogna ricordarsi dei negozi di dischi tutto l’anno, non solo un giorno. Però continuo a pensare che l’iniziativa sia lodevole.

1 Comment

Filed under Record Store Day

Litfiba, tornate insieme (ah, già: son tornati insieme sul serio)

Ho fatto un sogno. Andavo a vedere il concerto della reunion dei Litfiba, e loro lo aprivano a sorpresa cantando “Litfiba, tornate insieme”, con gli Elii.

Poi, il concerto sono andato a vederlo davvero. E l’apertura sono stati due minuti di slogan  che hanno anticipato “Proibito”. Giuro che ho anche sentito Pelùùùùù usare l’espressione “popolo di Internet”, e c’erano 10.000 persone in delirio che possono testimoniare.

Però c’è ancora tempo: hanno annunciato altre date per l’estate, e il comunicato stampa segnala che il 27 luglio, a Carpi, Piero e Ghigo suoneranno nella stessa sera di Patti Smith e di Elio e Le Storie tese. Chissà che il mio sogno non si avveri.

2 Comments

Filed under Concerti