Un mese dopo: l’iPhone 4 alla prova

Il 30 luglio usciva l’iPhone4. Prima di quella data e dopo si è detto di tutto sul telefonino, forse come mai era successo prima. Si è detto troppo, e a sproposito. I giornalisti/blogger di tecnologia sono come i bambini che giocano a calcio, ho sentito dire: la palla rotola da qualche parte, e tutti ci si buttano sopra, senza criterio. Ultimo esempio? Oggi tutti scrivono che dopo il 30 settembre verrà messa in commercio una nuova versione, con hardware e antenna rivisiti. La fonte? Il “si dice” di un dirigente di una TelCo messicana…

Manie tecnologiche e deviazioni pseudo giornalistiche a parte, l’iPhone 4 vale la pena?

Ecco alcune riflessioni dopo un mese d’uso, con un occhio particolare agli utilizzi musicali, che si presume siano quelli che interessano i lettori di Rockol. Quella che segue non è una recensione completa: se volete una disamina precisa, il consiglio è di leggere iLounge

Musica: partiamo da qua: l’iPhone4 è una micro-console multimediale, non un semplice iPod. E in questo campo non è cambiato granché. Alcuni miglioramenti sono stati introdotti  con l’iOS4, che gira anche sui modelli precedenti, come la possibilità di sincronizzare le cartelle delle playlist da iTunes: una comodità non da poco per tenere la musica organizzata anche sul telefono, se avete tante liste di canzoni.
Un problema dell’iPhone4 rispetto alla musica è la capienza, che nominalmente è di 32gb (o di 16) come nei modelli precedenti, ma in realtà è minore. Nel mio caso, le stesse canzoni (circa 4200) sull’iPhone 4 occupano 20gb e rotti, sul mio vecchio 3gs ne occupavano 18 e rotti. Pare che questo si verifichi attivando la conversione automatica della musica 128kbs, una funzione studiata per risparmiare spazio nell’iPod  shuffle e disponbile per iPhone dalla versione 9.1 di iTunes. Ho fatto qualche verifica in giro: il problema sembra diffuso, ma non universale – o almeno non in molti se ne sono accorti. Se ne parla qua, nei forum della Apple. UPDATE: La nuova versione di iTunes, la 10, risolve pazialmente la questione: quando si sincronizza l’iPhone, si libera lo spazio fantasma; quando finisce la sincronizzazione lo spazio risulta di nuovo ridotto.

Registrare video/fare foto: il vero salto lo si fa qua, anche per gli appassionati di musica. Ora l’iPhone ha una fotocamera bella, e i video girati in alta definizione sono spettacolari. Riprendere (amatorialmente, si intende) i concerti darà finalmente ottimi risultati: ecco un esempio (l’audio, in questo caso, non è granché perché ero messo male rispetto alle casse; guardatelo a 720p.). Manca ancora lo zoom video, però.

Lo schermo: spettacolare, davvero. Il Retina Display rende tutto più nitido, dalle scritte alle immagini, alle foto. Anche se l’uso principale di tanta definizione è destinato soprattutto ai giochi (quelli che lo supportano sono pochini, ma altrettanto spettacolari).

L’antenna. Davvero toccando il telefono in basso a sinistra sul bordo perde campo? Si. Ha qualche effetto sulle telefonate? No, a meno che non si sia in zona di bassa copertura.

L’oggetto: l’iPhone4 è contemporaneamente più solido – grazie al bordo di metallo dove stanno le antenne, che dà una sensazione meno da giocattolino del 3gs – e fragile. Già lo schermo in vetro e a rischio graffi, adesso anche il retro è dello stesso materiale. Una cover, una pellicola protettiva o un bustina è quasi obbligatoria.

Insomma, ne vale la pena? Se siete Apple-fanatici, la risposta è scontata, a differenza del prezzo dell’iPhone4. Proprio quest’ultimo “dettaglio” spinge a qualche ragionamento: Per chi ha l’iPhone 3g (e/o magari può abbattere il prezzo sottoscrivendo un abbonamento), il gioco può valere la candela, vista la quantità di migliorie dall’uno all’altro. Per chi ha preso l’anno scorso un 3gs, magari non può sottoscrivere abbonamenti e non rientra negli Apple-fanatici, allora è meglio riflettere bene.  L’iPhone4 è un gran bell’oggetto. Un oggetto “segmentante”, come direbbero quelli del marketing: chi ama l’iPhone, lo amerà ancora di più. Chi sta su altre sponde telefoniche, continuerà a restarci, con ogni probabilità.

Commenti disabilitati su Un mese dopo: l’iPhone 4 alla prova

Filed under Apple, iPhone

Comments are closed.