Monthly Archives: luglio 2013

Buona Maniere

Insomma, da oggi è in rete “Mind your manners”, il nuovo singolo dei Pearl Jam: una bella fucilata rock, come solo loro sanno fare.

L’album, “Lighting bolt”, esce il 15/19.

Ecco, tutto bene. Però non facciamo scherzi: adesso dovete venire a suonare in Italia.

 

Commenti disabilitati su Buona Maniere

Filed under Nuova musica

#NowListening (16): slight return

NowListeningTorna, dopo una lunga pausa dovuta al trasferimento del blog, la rubrichetta estemporanea di micro recensioni e cose ascoltate in giro, oltre a quella di cui parlo di solito qua, su Rockol.

 Su Spotify c’è una playlist a cui ci si può iscrivere, con il meglio della musica segnalata da queste parti.

 

Bell X1 – Chop Chop

C’è la musica di cui parli. E poi c’è la musica che ascolti davvero. I Bell X1 sono uno dei gruppi che ho ascoltato di più negli ultimi anni – in particolare una canzone, “How your heart is wired”. Irlandesi, ex band di Damien Rice prima che facesse il busker, fanno un rock poco irlandese, asimmetrico ed ipnotico. Il nuovo disco è più acustico, basato su piano e chitarre senza elettronica. Bello, bello – poi torno a parlarne con calma su Rockol.

 

Hernanendez & Sampedro – Happy Rain

Schiacciate il tasto play qua sopra. E dite: da dove pensate che vengano questi due? California? Austin, Texas? Luca Damassa e Mauro Giorgi sono di Ravenna, e sono prodotti dalla Route61 di Ermanno Labianca (un nome che gli springsteeniani conoscono bene). Rock italiano o semplicemente rock? Comunque, ottima musica.

 

ZZ Ward – ‘Til the casket drops

E’ brava. E’ Bella. Ha un nome strano (quello di battesimo è Zsuzsanna: true story…). Ma somiglia troppo ad Adele, in salsa rock. E’ uno di quei casi di un talento talmente evidente che basterebbe lasciarlo fare, e invece viene parzialmente rovinato da una brutta produzione che ammicca troppo al mercato. tipo il disco di debutto di  Gary Clark Jr. Ma vale un ascolto, sperando che al prossimo disco…

 

Toad The Wet Sprocket – New Constellation

Qua sopra trovate embeddato “Dulcinea”, che secondo me è uno dei più bei dischi di pop-rock remmiano degli anni ’90. I Toad The Wet Sprocket si sono riformati qualche anno fa e questo è il primo disco di inediti in 16 anni. Si può finanziare ed avere subito su Kickstarter fino ai primi di agosto (ha raccolto 170.000$ sui 50.000 a cui aveva puntato). Poi esce a settembre – ma vale la pena averlo subito: musica fuori dal tempo, ottime canzoni con un sound che se vi piace il genere…

 

Calexico – Maybe on Monday

I Calexico le cover le sanno fare, e bene. Qua sopra c’è “Alone again or” dei Love rifatta in chiave Tex-Mex, qualche anno fa. In questo EP appena pubblicato (Lo si può ascoltare su SoundCloud, qua) c’è una canzone da “Algiers” reincisa e tre riletture: tra cui “Unsatisfied” dei Replacements, che è una delle più belle cose che ho ascoltato in questi mesi.

 

Joseph Arthur – The ballad of Boogie Christ

Joseph Arthur è bravo, pure troppo. Infatti tende a strafare: avevo amato i suoi primi dischi, quelli usciti per la Real World di Peter Gabriel, poi mi ero perso in mezzo alle troppe cose che pubblicava – dischi ed ep a getto continuo. “The ballad of Boogie Christ” è il suo album-album migliore da molto tempo. Finanziato con Crowdfunding, è un signor disco di rock, scritto bene e suonato meglio.  Guardate il suo passaggio da Letterman, l’altra sera.

 

 

Commenti disabilitati su #NowListening (16): slight return

Filed under Nuova musica

Pony Stanco

All Things All At Once

Certo che Peter Buck non si annoia…. Ecco il nuovo singolo dei Tired Pony, la sua band con il cantante degli Snow Patrol.

L’album,  ‘The Ghost Of The Mountain’, esce il 19 agosto.

Commenti disabilitati su Pony Stanco

Filed under Nuova musica

Take me out, tonight

Nell’ultima settimana ho visto tre concerti. Potevano essere tre concerti dell’anno. Uno solo lo è stato.

Lunedì scorso Johnny Marr con i National – l’ordine in cui li ho messi non è casuale. Johnny suona la chitarra con stile e ha trovato la sua voce canta dignitosamente le canzoni degli Smiths. I National hanno un gran suono, pure dal vivo. Ma han poca presenza scenica, soprattutto Matt Berninger – come diceva mia cognata, sembra un tecnico del computer (con tutto il rispetto per). Provate a vederli con gli occhi di qualcuno che è meno dentro di noi alla musica e non potrete darle torto: bella voce, ma lui è proprio un po’ anonimo

Poi ci sono stati i Black Crowes, mercoledì 3 all’Alcatraz. Epici: carisma e suono. Una fenomenale versione di “Wiser time”, che è ormai una delle mie canzoni preferite di sempre. Lo racconto meglio qua, il secondo concerto internazionale dell’anno. (Indovina il primo…)

Infine Glen Hansard. Il concerto di qualche mese fa al Limelight era stato epico, quello sì uno dei migliori dell’anno. Sabato è tornato al Carroponte. Poca gente, in verità: 200 persone su un palco laterale. E un concerto che non mi ha lasciato per niente il segno come tutti i suoi altri che ho visto.

Dal vivo è sempre bravo, intenso e generoso come pochi – ho una venerazione per lui, per il suo modo di fare fuori e sopra il palco.  Scaletta sempre più incentrata sulla sua “svolta soul”, che funziona ed è divertente quando fa le cover  – come qua sotto, un piccolo frammento di “Respect” messo in coda ad una sua canzone. Ma il suo repertorio recente mostra le corde: un po’ ripetitivo e vanmorrisoniano, la band (i suoi Frames) sommersa da archi e fiati.

Insomma, rivoglio i Frames – non come band di accompagnamento come ieri. Vorrei rivedere Glen con le chitarre elettriche,  la band di canzoni come “People get ready” e “Fitzcarraldo” – non a caso le migliori di ieri sera secondo me.

Commenti disabilitati su Take me out, tonight

Filed under Concerti

Lezione sul campo (di San Siro)

Abbiamo mandato gli studenti del Master in Comunicazione Musicale a fare una lezione sul campo, e che campo: quello di San Siro, lavorando alla produzione del concerto di Bon Jovi. Il risultato è questo reportage e questi due video.

Commenti disabilitati su Lezione sul campo (di San Siro)

Filed under Concerti, Università/Lezioni