Category Archives: Sanremo

Il luna park del giornalista musicale, visto da casa (piccole riflessioni su Sanremo 2017)

Piccole riflessioni post Sanremo. Poi smetto, per 51 settimane.
E’ stato un brutto Festival. Più del solito, intendo. Spettacolo modesto, ospiti già visti, livello delle canzoni bassino, anche rispetto allo standard di Sanremo.
  • Carlo Conti è il vero vincitore. Ascolti altissimi, ha premiato Gabbani, una sua creatura nata e cresciuta al Festival. Ma ha rottamato Sanremo, sapendo di condurlo per l’ultima volta: dopo di lui il diluvio. Negli anni prossimi saremo invasi da gente che imiterà (male) Gabbani, e nessun artista del livello della Mannoia si presenterà più, dopo quel finale.
  • Gabbani ha una canzone divertente, tutt’altro che “leggera” (ah, la comprensione del testo…). Pop contemporaneo, ed era l’unico ad avere un’idea televisiva della canzone. Il che, essendo Sanremo prima di tutto uno spettacolo TV, non guasta.
  • Mi spiace, molto, per la Mannoia. Non vincere ci sta. Ma non è bello far perdere un’artista con la sua carriera di fronte ad una canzone così diversa. Non aveva bisogno di andare al Festival, ci è andata senza tirarsela, si è portata a casa una figura da gran signora della canzone Italiana. Ma quel finale è stato brutto, per lei e per il Festival.
  • Spero solo che chi arriverà dopo Conti abbia il buon gusto e la sensibilità di coinvolgere tutto quel pop-rock-cantautorato che ha seguito, credibilità e numeri, e non da ieri. I nomi li sapete bene.
Ps: Le mie canzoni preferite, per quel che vale: Mannoia, Turci (si meritava il podio), Gabbani, Samuel, Chiara, Ermal.
Ps2: Quest’anno ho lavorato da Milano e mi sono preso un sabbatico dalla Sala Stampa: vedere il Festival da lontano, un anno ogni tanto, fa bene: ti aiuta a mettere in prospettiva. Mi è mancata la convivialità, le chiacchiere con gli amici, l’adrenalina del “Luna park del giornalista musicale” (cit.). Ma ci vediamo l’anno prossimo.

Commenti disabilitati su Il luna park del giornalista musicale, visto da casa (piccole riflessioni su Sanremo 2017)

Filed under Sanremo

Com’è stato il Festival di Sanremo? “Carino”.

Il festival? Carino. Le canzoni? Carine. Lo spettacolo? Carino. Il luna park del giornalista musicale? Carino.

I numeri di Carlo Conti parlano chiaro: è stato un trionfo. Una macchina da guerra, con alti e bassi, ma senza picchi. La suggestione me l’ha data Claudio Cecchetto, riprendendo un’idea di Andrea Mirò (entrambe Giuria degli Esperti). Una volta c’era il brutto e il bello. Ora c’è il carino. Le canzoni erano carine, senza enormi picchi e senza robe terribili.

Provo a mettere ordine nella mia settimana sanremese (per il resto ci sono tutte le cose che abbiamo scritto su Rockol e  Le giornate sanremesi di PopTopoi su Medium).

I Numeri (i miei, almeno)

Il biglietto per accedere al Luna Park Del Giornalista MusicaleHo installato un’app che mi dice che ho fatto 57352 passi, camminato 47,91 km, bruciato 14.374 calorie (e non so quante ingurgitate, a forza di farinate, focacce e pizze notturne).
37 interviste, 35 video prodotti, girati e/o montati (con Gabriele Aprile e Simone Bianchi), 51 news (più altrettante o di più di Franco Zanetti). I tweet non li ho contati (ho paura a farlo).
Le mie preferite: la lunga chiacchierata con Tony Renis (il merito, o la colpa, de Il Volo è soprattutto sua e di Roberto Cenci, ma nessuno se ne ricorda).
La stupidera con gli Spanda Ballet (faccio outing: negli anni ’80 mi facevano cagare. Ascoltavo solo Springsteen e U2. I was so much older then, I’m younger than that now)
Le chiacchierate con Mauro Pagani, Andrea Mirò, Claudio Cecchetto.

I vincitori

Il Volo: vincere, e vinceremo! Vittoria meritata? Per certi versi sì (la canzone era fatta per televoto e per tirar giù l’Ariston), per altri proprio no: rappresenta un mondo musicale più vecchio persino di Sanremo, che giovane non è per definizione. I ragazzi devono fare ancora molta strada, soprattutto nel gestire i rapporti con i media: ieri notte, a chi aveva osato criticarli, hanno risposto: “Comunque sappiate che il popolo è dalla nostra parte”. E, si sa, People have the power.

Le canzoni

Me ne porto via 4, forse cinque. Malika Ayane (altro campionato), Nek (vincitore morale, per come si è (ri)posizionato), Chiara (un bel pezzo dritto), Raf (eroico, per come stava male: la canzone sul palco rendeva poco, ma la versione di studio è pura classe), Irene Grandi . E tra i giovani Chanty, l’unica con suono contemporaneo (anche se penalizzata da una performance un po’ traballante).
Le altre canzoni? Carine.

Le frasi

“E smettila di smettere” (Marco Masini)

“Silenzi per cena” (Malika Ayane)

Lo spettacolo
10982255_10205853693729571_6003597220347304173_oBah. Bravissima Virginia Raffaele, bravi Luca e Paolo. Il resto? Carino. No, non è vero: qua c’erano alcune cose davvero brutte, e lo sapete da soli. Nessuna sbavatura, in generale. Tranne il pasticciaccio della classifica finale data sbagliata (Conti da nero è diventato viola per la rabbia). Se fosse successo in settimana ci avremmo ricamato per giorni, e sarebbe stato tutto un altro clima.

I momenti
Tiziano Ferro: poi ci si chiede perché ci sono cantanti in gara e superospiti. Il passaggio di The Avener e la sala stampa che balla. Quando passavano le canzoni di Nek in sala stampa, con Alba Parietti a dirigere il ballo collettivo. I giornalisti danzano di architettura, alla fine.

L’anno prossimo

Conti, sicuro, con questi ascolti da Tv Bulgara. Ma continuo a pensare che il vero colpo di genio sarebbe cooptare Tiziano Ferro come co-conduttore.

Grazie a tutti gli amici che in sala stampa e su Twitter si sono divertiti a seguire questo Festival: siete troppi, per nominarvi, ma grazie davvero.

1 Comment

Filed under Sanremo

Il Luna Park del Giornalista Musicale: Il Festival senza (i) Perturbazione

Eccoci di nuovo qua, al Luna Park del Giornalista Musicale (il copyright è di Daniela Cardini, 2011). Settimana in riviera, al Festival a raccontare storie e intervistare gente per Rockol. Quest’anno c’è il sole, c’è il cuore e l’ammmore.

Il biglietto per accedere al Luna Park Del Giornalista MusicaleCondizioni meteorologiche invidiabili, canzoni romantiche e una pacifica aria da volemose bene. Tutto molto tranquillo, non c’è nessuna polemica. Tutti danno per vincenti certi Il Volo (“Chi arriva secondo?”, ci si chiedeva ieri alla fine delle prove) (ma chi entra Papa…).

Noi giornalisti ci lamentiamo comunque di qualsiasi cosa, dal semplice essere qua (“Quand’è che abbiamo finito, che devo andare ad occuparmi di cose serie?”, ho sentito dire ad una collega), alla qualsiasi (le canzoni, i cantanti, il regolamento, gli ospiti etc.). Ma con poca convinzione, quest’anno: anche l’assenza del buffet in sala stampa non ha suscitato sollevazioni popolari, mi pare. E dire che vige una regola, nella stampa italiana: mai toccare il buffet ai giornalisti.

Chi non è a Sanremo (e vorrebbe esserci) si lamenta dei giornalisti che si lamentano. E noi giornalisti ci lamentiamo di chi si lamenta dei giornalisti che si lamentano. E così via, quasi da far sembrare il tutto un quadro di Escher o la trama di Inception.

Dicono che è il Festival senza perturbazioni (frase del direttore Giancarlo Leone, direttore di RaiUno, ieri in conferenza stampa, riportata oggi da tutti i quotidiani). Per me è il festival senza Perturbazione, nel senso della band. Vi ricordate “L’unica”?. Ecco, non c’è nulla del genere.

Le canzoni sono molto pop, molto sole-cuore-amore appunto, con alcune belle punte (mi piacciono Malika, Chiara, Raf – almeno quando le ho sentite – in TV saranno un’altra cosa) e molta medietà e un po’ di mediocrità. Non c’è nulla come “L’unica”, però. Manca completamente la “quota ex-indie-rock”, e questo non è necessariamente un male. A Sanremo non puoi sperare di trovare i nuovi Verdena . Per quelli, presumibilmente, ci sono (o ci dovrebbero essere) altri spazi. Ma quest’anno manca sicuramente quel pop un po’ diverso e non banale, quello che poi rimane, l’anno scorso perfettamente rappresentato dai Perturbazione.

Vedrete, Pertubazione e perturbazioni a parte, andrà a finire che l’anno scorso ci lamentavamo che il Sanremo di Fazio era troppo “alto”, e quest’anno ci lamenteremo che questo è troppo pop-popolare.

Sia chiaro, io mi diverto, a Sanremo, alto o basso che sia e lo aspetto quasi come il Natale. Ma potevo esimermi dalla mia lamentela? No, sono un giornalista, in fondo.

Comunque, ecco i miei momenti preferiti, finora:

Stasera si fa sul serio, e sarà lunghissima: solo 10 canzoni, un sacco di Spetttacolo e Albano e Romina.

E  siete indecisi se vederlo o meno, leggete questo articolo di Jovanotti, di due anni fa: Sanremo spiegato bene, come direbbero quelli de Il Post.

Buon Festival a tutti.

Commenti disabilitati su Il Luna Park del Giornalista Musicale: Il Festival senza (i) Perturbazione

Filed under Sanremo

Hangover (Il luna park del giornalista musicale – ep. 4)

La festa è finita: se volete avere un’idea del bordello all’arrivo dei vincitori ieri sera, qua c’è il video.  Per non parlare di quando si è capito che il Corriere aveva twittato in anticipo il vincitore (gomblotto!).

20140223-115239.jpg

Per dirla con i Perturbazione, “Muoio già dalla voglia di ricordarti a memoria”. O forse no.

  • Il verdetto? Alla fine va bene così.  Sul podio tre artisti nati e cresciuti a Sanremo. Premi della critica a De André e Perturbazione. Renga, che tutti – me compreso – davano per vincitore certo, fuori dalla terzina. Le canzoni si capiscono sul palco – quella di Renga è funzionata di meno del previsto. Ma, come dice Pop Topoi, “Everyone’s a Giucas” (la faccia di Neurologico che dice “Rubino” vale la visione in loop del Vine).
  • Canzoni preferite dopo una settimana: Perturbazione, De André, Zibba, Noemi. E sì, anche Arisa.20140223-115003.jpg
  • Sono in gara per la foto più stupida della sala stampa con il Pupazzo Carletto. E sono tra i favoriti.
  • (No, non sono così di solito)
  • (Si, una settimana in Sala Stampa fa questo. Ed altro.)
  • I miei momenti preferiti di questo Festival (1): Poco dopo un’intervista, sto lavorando. Testa bassa sul computer. Mi giro. Uno sta sbirciando il video che sto montando. Lo mando a quel paese. Era Tommy Lee. (Ha riso e mi ha fatto complimenti: “Stai già montando la mia intervista? Cool man!”. Gli americani…)
  • I miei momenti preferiti di questo Festival (2): questo live fatto con Zibba, un piccolo momento magico di luce, acustica e musica. (lo spammo per l’ultima volta, giuro).
  • Il momento più imbarazzante del festival: Crozza. Ancora peggio dell’anno scorso.
  •  I miei momenti preferiti di questo Festival (3): le chiacchierate dal vivo con amici,  storici e soprattutto  nuovi. 
  • I miei momenti preferiti di questo Festival (4): le chiacchierate su Twitter, come sempre da qualche anno a qualche parte. Se non ci fosse, sarebbe quasi intollerabile. Ti chiedi come il Festival facesse ad esistere prima.

Il luna park riapre l’anno prossimo. Le voci su chi potrebbe condurre/gestire/direttorareartisticamemente promettono bene…

Sigla.

Titoli di coda.

Amen.

Commenti disabilitati su Hangover (Il luna park del giornalista musicale – ep. 4)

Filed under Sanremo

A spasso, come i lupi sul Gran Sasso (Il luna park del giornalista musicale – ep. 3)

Oltre la metà settimana. E mi sento a spasso come un lupo sul Gran Sasso, alla ricerca di un nesso tra la felicità e l’espresso (vado sui 7-8 al giorno, quindi sono molto felice, deduco).

Appunti sparsi delle ultime 48 ore:

  • Io nella vita vorrei intervistare gente come Rufus Wainwright: fa bella musica, simpatico, generoso, e dice sempre cose interessanti. 
  • Io a Sanremo vorrei vedere e intervistare gente come i Perturbazione : fanno bella musica, Pop con la P maiuscola. E sono simpatici, generosi e si divertono a suonare sempre e (vedere il Live@Rockol quasi improvvisato in un bar)
  • In sala stampa vorrei vedere più gente come Zibba, che ha improvvisato un miniconcerto sul palco dove i divi si fan fare le foto.
  • 20140221-133735.jpgI giornalisti che parlottavano in sala stampa durante l’esibizione di Damien Rice sono senza cuore. Io ne sono uscito distrutto, avevo i lacrimoni.
  • Inizio del programma mercoledì: ore 20:53. Prima canzone in gara alle 21.09 (16 minuti). 33,95% di share
  • Inizio del programma giovedì: 20:53. Prima canzone in gara alle 21.14,  (20 minuti, di 7 di riassunto delle canzoni e codici ).  34. 93 di share
  • Far cantare i giovani alle 0.20 (martedì) o alle 0.29 (mercoledì). Meglio mandarli ad un talent?
  • L’eta media dei giovani: 29,5 anni (ce ne sono 3 tra i 35 e 36 anni – il limite da regolamento)
  • “La mia generazione a spasso. Come lupi sul Gran Sasso” (Filippo Graziani – vedi sotto).
  • Poi, ad un certo punto, ogni anno mi innamoro di una canzone in gara, all’improvviso. Mi è capitato con “Senza di te” di Zibba: uno che suona da tempo, e si sente (il live che ho girato con loro in albergo è stato bellissimo, emozionante: lo pubblico doamani)
  • No Selfie Control, tra i giornalisti e addetti ai lavori: ogni occasione è buona per autoscattarsi una foto con qualcuno.
  • Il selfie più gettonato in sala stampa è quello con Carletto, il camaleonte della pubblicità, presente in carne ed ossa (ehm) vicino al banchetto di Dash.
  • (No, non l’ho fatto)
  • Poi ti chiedi perché certi artisti non lavorano. Dicono di venire a Sanremo per la visibilità, poi scendono con un’ora di ritardo dalla camera d’albergo, con dirette radiofoniche ed interviste programmate. Alle 11, mica alle 7 e mezza. Senza neanche avere cantato la sera prima.
  • (No, non vi dico chi è)
  • “Franklin Hi-NRG” (da un comunicato stampa ufficiale del Festival)
  • “Sul palco dell’Ariston si lavano voci molto intonate” (didascalia sul sito della rai al video del flash mob: voci pulite? voci bianche)
  • “Arisa? Vincerà perché è un’icona gay antiberlusconiana” (titolo di un giornale, l’altro giorno)
  • Il peso del giornalismo musicale italiano finisce qui, in questi telecomandi qua in fondo (ora non votiamo più, tutto al pubblico ed alla giuria di qualità)

Commenti disabilitati su A spasso, come i lupi sul Gran Sasso (Il luna park del giornalista musicale – ep. 3)

Filed under Sanremo