Tag Archives: Grateful Dead

“Dark star” e gli universi estremi della musica (ovvero perché i Grateful Dead sono ancora attuali)

Nessun’altra canzone come “Dark star” dei Grateful Dead racconta gli universi estremi a cui si può spingere chi fa e chi ascolta la musica rock. E in mezzo a tutti quegli universi, c’è un disco, “Grayfolded”: il più estremo – il più “far out”, come direbbero i fan del gruppo; “Grayfolded” è fatto di oltre 100 versioni del brano, rimontate assieme da John Oswald, a comporre una suite di 2 ore; una delle cose più psichedeliche che potrete mai ascoltare. Uscito originariamente nel ’94/’95, è stato (ri)scoperto quest’estate con una ristampa in vinile della Important Records. Sembrano un fenomeno di folklore, i Grateful Dead, simbolo di un’era ormai andata, con i loro fan fricchettoni, i “Deadhead”, le loro magliette colorate. Invece, prima dei Pearl Jam, prima di Springsteen, prima dei Black Crowes e di molti “eroi” odierni del classic rock c’erano loro: un modello che è ancora innovativo, avanti a tutto e tutti. Oggi una band, se vuole “monetizzare” la musica dal vivo oltre i biglietti, deve suonare tanto, tante canzoni. Vendere bootleg. I Grateful Dead, dal ’65 al ’95 (anno in cui morì Jerry Garcia), hanno suonato più di 2350 concerti, più di 500 canzoni diverse. Di questi show, 2200 vennero registrati dalla band e dai fan (incitati dal gruppo, anche a scambiarsi le cassette). Su Internet Archive si trovano quasi 10.000 registrazioni in streaming/download (ogni data esiste in diverse versioni, la maggior parte direttamente da soundboard). Dal 1991 i Dead pubblicano regolarmente i concerti dal loro archivio. Hanno pubblicato 135 album live, con un ritmo di 5-6 all’anno. Ognuno vende almeno 10.000 copie, quasi sempre esaurite in pre-ordine su dead.net, sito ufficiale del gruppo. Addirittura c’è chi ha scritto libri sul marketing e sul business – non solo quello musicale, proprio il marketing tout-court – Usando i Grateful Dead come un modello che ha anticipato di decenni la cultura digitale. E poi c’è “Dark star”. Molto più di una canzone, molto più dei Grateful Dead: il simbolo di un modo di fare e consumare la musica. Una storia meravigliosa, oltre che una musica meravigliosa. Venne incisa nel ’67: una canzoncina di 2:10, che vide i Dead per la prima volta collaborare con il paroliere Robert Hunter. Il singolo fallì miseramente, vendendo meno di 5.000 copie. I Grateful Dead iniziarono a suonarla dal vivo, ad espanderla, ad usarla come base per improvvisazioni e sperimentazioni, con la chitarra di Garcia a tessere melodie, sostenuta dalla ritmica di Bob Weir e dal basso di Phil Lesh. Nel 1969 iniziò ad arrivare a durare anche 30 minuti, unendo rock, psichedelia, folk, jazz. Divenne un mito proprio nel ’69 quando venne pubblicata nel primo disco dal vivo del gruppo, quello che avrebbe consacrato la fama del gruppo: in “Live/Dead” occupava tutta una facciata, 23 minuti. Curiosamente sarebbe rimasta l’unica versione ufficiale dal vivo per oltre 20 anni. Ma nel corso della carriera della band è stata messa in scaletta oltre 200 volte: mai una versione uguale, venne sempre cambiata, ristrutturata e destrutturata. Fino al ’74 venne suonata regolarmente arrivando a durare anche 50 minuti. Poi scomparve dalle scalette: Garcia diceva che aveva detto e suonato tutto quello che poteva, in quel brano. Ma a quel punto divenne ancora più leggendaria tra i fan, il “sacro graal” che si inseguiva ai concerti. Tra il 75 e l’89 venne suonata solo 5 volte, per poi tornare in scaletta con regolarità, seppur poco frequente, negli ultimi anni della band. Oggi ne esistono decine di versioni pubblicate ufficialmente, che si aggiungono alle centinaia ufficiose (un fan le ha raccolte in una lista, con streaming). Fanatismo estremo, certo, come l’infinita discussione tra i Deadhead su quale sia la migliore versione. Qua sotto una piccola playlist delle più note versioni ufficiali, da quella di studio in poi, per farsi un’idea: di quanto sia affascinante e innovativa la musica “spaziale” di “Dark Star”, al di là del fandom. E poi c’è questo disco, “Grayfolded”. E c’è John Oswald. Uno che faceva i mash-up prima ancora che esistessero i mash-up, che lui chiamava “plunderphonics”. Ovvero il saccheggio sonoro, “La pirateria sonora come prerogativa compositiva”, ispirandosi al cut-up di Borroughs, fin dal 1975. Sì, dal 1975, quando manipolò un brano dei Led Zeppelin, unendolo con il sermone di un predicatore evangelico, in una sorta di pre-hip-hop. Ovviamente venne spesso osteggiato da case discografiche e artisti: lo racconta lui stesso in questa bella intervista recente su CoS. “Grayfolded” venne commissionato nel ‘94 da Phil Lesh, il bassista (e musicologo) del gruppo. Oswald si rinchiuse negli archivi della band per un mese (allora pressoché tutti inediti), e se ne uscì con oltre 100 versioni, catalogate e poi rimontate assieme, “ripiegate”, l’una sull’altra, come sottolinea il titolo, pubblicate in due volumi tra il,’94 e il ’95. “Greyfolded” va ascoltato come una via di mezzo tra lo sperimentalismo rock, il free-jazz e una suite di musica classica fatta con le chitarre elettriche. Per dire, si apre con 2 minuti di strumenti che si accordano, trasformati in musica. Unisce momenti dilatati a sfuriate elettriche – il punto più alto è probabilmente “73rd Star Bridge Sonata”, che contiene una jam intera da 14 minuti da un’esecuzione del febbraio ’70 considerata tra le migliori del gruppo (e pubblicata nel ’96 in “Dick Picks’s volume 4 – la trovate nella playlist sopra). Il CD e il vinile comprendono una mappa di ogni versione usata nella composizione, minuto per minuto, di cui potete vedere un esempio trasformato in un video qua: https://www.youtube.com/watch?v=er0qOWqxUkg Il doppio CD è stato difficilmente reperibile per tempo, poi ritornato in commercio grazie al digitale: si può ascoltare in streaming, se non volete la versione in vinile (qua sotto le versioni su Deezer). Se siete arrivati fino in fondo a questa storia, magari continuerà a non fregarvene niente dei Grateful Dead, magari vi verrà voglia di ascoltare una versione o questo disco e vi stuferete dopo pochi miniuti. Ma se invece sono riuscito a farvi interessare a Dark Star, vi avviso: è una droga, nel senso che se vi iniziano a piacere queste melodie, queste improvvisazioni, allora non riuscirete a farne a meno, e poco per volta vi verrà voglia di ascoltare e riascoltare versioni diverse dopo versioni. Insomma, attenzione: “Dark star” può farvi farvi entrare in un buco nero di musica stupenda da cui è impossibile uscire.

Commenti disabilitati su “Dark star” e gli universi estremi della musica (ovvero perché i Grateful Dead sono ancora attuali)

Filed under Ascolti, CD

Storia del rock a Bocconi (2): gli anni ’60 e ’70

Ecco i materiali della seconda lezione del corso di Storia sociale della musica pop e rock,  oggi in Bocconi: link, audio e video di cui si è parlato in aula.

  • L’immaginario musicale e culturale degli anni ’60
  • La motown (e la musica black negli anni ’60)
  • i Beatles
  • Bob Dylan
  • Jimi Hendrix e Woodstock
  • La coda lunga degli anni ’60: California e dintorni
  • Il prog e il neo classicismo rock
  • Il punk: la grande truffa del rock ‘n’ roll

 

La playlist dei video visti a lezione

Testi di riferimento

  • F. Zanetti – Il libro bianco dei Beatles (Giunti)
  • Keith Richards, “Life” (Feltrinelli)
  • G. Castaldo, E. Assante – Il Tempo di Woodstock (Laterza)

Commenti disabilitati su Storia del rock a Bocconi (2): gli anni ’60 e ’70

Filed under Università/Lezioni

Dark California Stars

L’Americanarama è un sogno. E’ quel tour di quest’estate dove i Wilco, i My Morning Jacket, Ryan Bingham, qualche volta Richard Thompson dividevano il palco.

Era da un po’ che cercavo una scusa per scrivere un post, perché secondo me un tour del genere rappresenta quello che dovrebbe essere la musica: grandi artisti che, suonando assieme, si divertono e fanno divertire. Han suonato di tutto in quei concerti: cover pazzesche fatte assieme da gente pazzesca. Ma niente è pazzesca come quella qua sotto.

I Wilco con Bob Weir dei Grateful Dead che rifanno “Dark star” –  la “jam song” per eccellenza. Nels Cline – oggi è uno dei migliori chitarristi in circolazione –  fa la parte di Jerry Garcia e duetta e duella con Weir. 17 minuti di puro godimento chitarristico – e la cosa più bella è la parte centrale, dove i Wilco riprendono la loro “California stars”, in versione rallentata, ipnotica. Se vi piace il genere, è una roba veramente da brividi. Registrazione dignitosa, ma amatoriale – peccato non l’abbiamo suonata al concerto di cover di qualche tempo fa, che poi hanno pubblicato ufficialmente.

Ah, a quel tour c’era anche Bob Dylan. Che invece si è fatto i fatti suoi per tutto il tempo – solo una volta ha invitato a suonare gli altri sul suo palco, e quasi di malavoglia…

 

 

Commenti disabilitati su Dark California Stars

Filed under Ascolti, Concerti

#NowListening (pre-Sanremo edition)


La rubrichetta estemporanea di micro recensioni e cose ascoltate da queste parti, questa volta in veste sanremese.

Dovevo andare  in riviera per la settimana. Mi ero scelto un po’ di musica di salvataggio, oltre a quella di cui parlo di solito qua.

Poi il menisco ha fatto crack (mentre andavo ad un concerto, per la cronaca). Così guarderò il Festival in TV (non sono normale, lo so: sono dispiaciuto di non poter passare una settimana in quella gabbia di matti che è la Sala Stampa dell’Ariston)

Ma il senso di queste cose non cambia: musica alternativa per la settimana più intasata di musica di tutto l’anno.

 alt=

 

Nick Cave – “Push the sky away”

Il disco esce il 19 febbraio, la recensione completa arriva su Rockol tra qualche giorno. Basti sapere che è uno dei dischi dell’anno: tagliente, inquietante, lirico. E con le due canzoni migliori di questi primi mesi del 2013: “Jubilee street” e soprattutto “Higgs Boson Blues”, che già solo il titolo…

Chris Stamey – “Lovesick Blues”

Metà dei Db’s, gruppo storico del power pop americano. L’altra metà è Peter Holsapple (che ha suonato nei R.E.M. dall’89 al ’92). Assieme hanno fatto molte cose belle, ma da solo pure: un disco di pop-rock folkeggiante piacevole come solo i grandi autori di canzoni sanno essere. Il mondo è quello lì: R.E.M., Go-Beetweens, Teenage Fanclub. Anche la classe è quella.

Chiara Galiazzo – Un posto nel mondo

Ma non doveva essere musica di salvataggio, anti-Sanremo?  Beh, sapere che una che è appena uscita da X Factor fa subito un disco di inediti così presto, con autori di questo livello… Molti dei migliori nomi in gara quest’anno non avranno un album per qualche mese. Silvestri, gli Elii, gli Almamegretta usciranno tutti più in là. Nel frattempo Chiara c’è, le canzoni ci sono, la voce è fantastica. Devo ancora ascoltarlo bene, capire se ha trovato il suo genere oltre alle canzoni. E son curioso di sentirla sul palco.

Andrea Nardinocchi – Il momento perfetto

Uno che seguiami da tempi pre-sanremesi e non sospetti. Andrea fa qualcosa che non fa nessun altro, in Italia: soul elettronico, con incursioni nel pop e nel rap. E lo fa bene, benissimo. Il disco vale la pena – anche questo lo recensirò con calma, anche dopo avere visto cosa combinerà con le sue loop station sul palco dell’Ariston. Ottima musica, a prescindere dal Festival, ed è bello che ci sia anche lì.

Buckingham Nicks

Un disco che ho riscoperto grazie a “Sound City”, il documentario di Dave Grohl: fu uno dei primi album incisi in quegli studi e da lì nacquerò i Fleetwood Mac nella loro incarnazione più famosa. Il disco è del 1973, è da tempo fuori catalogo – non si trova ufficialmente da quasi nessuna parte, ne circolano versioni in MP3 rippate dai vinili originali (paradossi della vita digitale). Ma se lo trovate (non è difficile, dai) vale la pena: pop rock di altissima classe.

Grateful Dead – Dave’s Pick 5: 11/17/73, UCLA

Troppo tardi: l’ultimo “bootleg ufficiale” dei Grateful Dead, stampato in 13.000 copie numerate, è andato esaurito in un mese. Come tutti i dischi dal vivo dei Dead. Questo l’ho comprato soprattutto perché le note di copertina le ha scritte Bill Walton, leggenda del basket NBA (Blazers e Celtics nei ’70-’80) e “deadhead” fino al midollo: ha visto più di 650 (seicentocinquanta!) concerti della band. Sul sito c’è ancora un estratto, una spettacolare jam su “Here come sunshine”. La musica dei Dead è terapeutica, almeno lo è stata per me in questi giorni. Andrebbe prescritta dai dottori. (Per la cronaca, io ho beccato un ortopedico fan dei Marlene Kuntz: “ma lei è di Cuneo? Conosce i Marlene Kuntz? Rilassi il muscolo, pensi a “Sonica” – come se “Sonica” fosse la canzone giusta per rilassarsi…)

Ah, poi se volete vedere un bel rockumentary, guardate quello qua sotto. E’ della serie “Classic albums” (sempre sia lodata) è dedicato ad “Anthem of the sun” e soprattutto ad “American beauty”, il miglior disco di studio dei Grateful Dead. Ma soprattutto, racconta la scena di San Francisco nella seconda metà degli anni ’60 e le differenze/difficoltà nel fare musica dal vivo e in studio: “Fare musica in studio è come costruire una nave in una bottiglia. Suonare dal vivo è come remare su una zattera in mezzo all’oceano”.

Buon festival!

Commenti disabilitati su #NowListening (pre-Sanremo edition)

Filed under Nuova musica

Grateful Dead Kennedys

 

Commenti disabilitati su Grateful Dead Kennedys

by | 4 febbraio 2013 · 11:42 pm