Tag Archives: Justin Timberlake

Se non è mai stata nuova e non invecchia mai, è una canzone folk (a proposito di Llewyn Davis)

 

L’altro giorno sono andato a vedere Inside Llewin Davis, il film dei fratelli Cohen ispirato alla storia di Dave VanRonk e alla scena folk del Greenwich Village. Pur amando i fratelli Cohen, non mi ha fatto impazzire –  i giudizi seri e motivati li lascio ai cinefili veri. Ma la cura della musica è strepitosa, come sempre nei film dei Cohen.  Justin Timberlake che canta una canzone folk da solo vale il prezzo del biglietto. 
L’altro Sibilla, Alberto, quello che fa lo psichiatra ed è Dylaniato da sempre, quello che quella scena l’ha seguita in diretta da ascoltatore, ha scritto questa cosa sulla colonna sonora – e ne sa decisamente più di me sull’argomento. 

I fratelli Cohen senza dubbio amano e conoscono il rock e cercano di rappresentare lo stato nascente di questa musica, senza agiografia o romanticismo. “Inside Llewyn Davis” è film importante per capire la nascita del (folk)-rock. Nello svolgimento della storia ci sono quasi tutti i mattoni che costituiscono le fondamenta della successiva evoluzione musicale, non a caso scelte da T. Bone Burnett. Negli anni ‘60 il folk era considerato una musica di seconda categoria, snobbata duramente da chi amava la musica colta (il suonatore di cembalo e altre tastiere nobili) e disprezzata anche dai jazzisti “ voi del folk conoscete tre note …” (Goodman jazzista morfinomane). Si suonava folk nei cari caffè del Greenwich Village, in particolare al Gaslight, dove era di scena Dave Van Ronk, alla cui storia fa riferimento il film.
Nell’album che contiene la colonna sonora si mescolano canzoni popolari americane inglesi, irlandesi in parte cantate in maniera tradizionale (“The auld triangle”, “The storms are on the ocean”) in parte arrangiate secondo canoni attuali quando sono cantate da Omer Isaac (“Hang me, oh hang me” e la bellissima “The shauld of harrings”) con l’intervento di T. Bone Burnett. Compaiono gli epigoni di Peter Paul & Mary “In Five hundred miles”: nel film e nell’album vengono conservate le atmosfere dell’epoca e nei giorni nostri può fare effetto vedere all’opera il gruppo canoro irlandese o la cantante con il dulcimer… Interessanti le due versioni di “Fare thee well”: la prima originale vecchio stile e poi modernizzata, se così si può dire. Non manca il pop folk nell’unica canzone composta per il film, la simpatoca “Please Mister Kennedy”, mentre sullo sfondo c’è Elvis Presley, all’apice del successo. L’ultimo ad apparire è Bob che canta una versione non incisa in precedenza di “Farewell”.

Sembra incredibile che da un mix del genere possa essere nato il rock, ma questa è la storia. Da dylaniato convinto ma critico, mi sono chiesto come avranno fatto a capire alla Columbia che in quel momento valeva la pena investire su lui e non su altri songwriters. Anche nella storia del rock c’è una dose di casualità incredibile. Per usare le parole di Dylan, convitato di pietra del film e dell’album, anche la musica è condizionata da un “Simple twist of fate”.

L’album è ben suonato e arrangiato, Omer Isaac è una piacevole scoperta; bravi Justin Timberlake e Marcus Mumford che rappresentano l’attualità della scena musicale. Difficile, se non impossibile però che abbia il successo di vendite della colonna sonora di “O Brother, were art thou?”, che generò un vero e proprio caso da quasi 8 milioni di copie…

(Alberto Sibilla)

 

Commenti disabilitati su Se non è mai stata nuova e non invecchia mai, è una canzone folk (a proposito di Llewyn Davis)

Filed under Ascolti, Cinema

La storia del rap, secondo Justin Timberlake

Oops, they did it again: Justin Timberlake è ovunque in questi giorni, prima dell’uscita del nuovo disco. Ma siccome promuovere l’album non è abbastanza, mentre era dal suo amichetto Jimmy Fallon ha fatto una nuova puntata di una delle cose musicali più belle viste in televisione negli ultimi anni: la storia del rap concentrata, reinterpretata da lui medesimo con Fallon e suonata dai Roots (che sono la house band del programma TV).

Ho raccolto le quattro lezioni, con tanto di scalette dei brani. Buono studio!

Parte uno

The Sugarhill Gang – Rappers Delight
Run DMC – Peter Piper
Beastie Boys – Paul Revere
Digital Underground – The Humpty Dance
Snoop Dog and Dr. Dre – Ain’t nuthin’ but a G thang
2Pac – Calafornia Love
The Roots – The Seed(2.0)
Eminem – My Name Is
Missy Elliot – Work It
Fuck Soulja Boy
TI ft. Rihanna – Live your life
Kanye West – Gold Digger

Parte due

The Breaks – Kurtis Blow
The Message – Grandmaster Flash
Express Yourself – N.W.A.
Bring the Noise – Public Enemy
It Takes Two – DJ EZ Rock & Rob Base
Push It – Salt-N-Pepa
Ice Ice Baby – Vanilla Ice
The Choice Is Yours (Revisited) – Black Sheep
Insane In the Brain – Cypress Hill
Let Me Clear My Throat (Old School Reunion Remix ’96) – DJ Kool
Party Up (Up in Here) – DMX
Hot in Herre – Nelly
In da Club – 50 Cent
Hey Ya! (Radio Mix/Club Mix) – Outkast
A Milli – Lil Wayne
All I Do Is Win (feat. T-Pain, Ludacris, Snoop Dogg & Rick Ross) – DJ Khaled
Teach Me How to Dougie – Cali Swag District
BMF (ft. Rick Ross, Styles P.) – DJ Rell
Just a Friend – Biz Markie
The Breaks – Kurtis Blow (One more time)

Parte tre

King of Rock – Run-DMC
Mama Said Knock You Out – LL Cool J
Parents Just Don’t Understand – D.J. Jazzy Jeff & The Fresh Prince
Me, Myself & I – De La Soul
Supersonic – J.J. Fad
Baby Got Back – Sir Mix-a-Lot
Bust a Move – Young MC
Jump Around – House of Pain
It Was a Good Day – Ice Cube
Gangsta’s Paradise – Coolio
Killing Me Softly With His Song – The Fugees
Sabotage – Beastie Boys
I Just Wanna Love U (Give It 2 Me) – Jay-Z
Ms. Jackson – Outkast
Drop It Like It’s Hot – Snoop Dogg & Pharell
Stronger – Kanye West
Super Bass – Nicki Minaj
Hip Hop Hooray – Naughty by Nature

Parte quattro

Sugarhill Gang – Apache (Jump On It) – 1981
Grandmaster Melle Mel – White Lines (Don’t Do It) – 1983
Kurtis Blow – Basketball – 1984
Fat Boys – The Fat Boys – 1984
Run DMC – Its Tricky – 1987
Beastie Boys – No Sleep Till Brooklyn – 1987
LL Cool J – Going Back to Cali – 1988
Slick Rick – Children’s Story – 1989
2 Live Crew – Me So Horny – 1989
Public Enemy – Fight the Power – 1989
A Tribe Called Quest – Scenario – 1991
Cypress Hill – Hand on the Pump – 1991
Wreckx-N-Effect – Rumpshaker – 1992
Salt N Pepa – Shoop – 1993
Snoop Doggy Dogg – Gin and Juice – 1993
Busta Rhymes – Woo-Ha! Got You All In Check – 1995
The Notorious B.I.G. – Hypnotize – 1996
Missy Elliot – Get Ya Freak On – 2001
Jay-Z – Izzo (H.O.V.A.) – 2001
Nelly – Ride Wit Me – 2001
50 Cent – P.I.M.P. – 2003
Chamillionaire – Ridin Dirty – 2006 // Wiz Khalifa – Black and Yellow – 2010
Trinidad James – All Gold Everything – 2012
Macklemore and Ryan Lewis – Thrift Shop – 2013
Eminem – Lose Yourself – 2002

Commenti disabilitati su La storia del rap, secondo Justin Timberlake

Filed under Televisione Musicale, Università/Lezioni