Tag Archives: Radiohead

Tribute band (2)

Anche i Radiohead rendono omaggio ai R.E.M., cantando un frammento di “The one I love” in apertura di “Everything in its right place”, al concerto alla Roseland Ballroom di New York (28/9/2011)

Commenti disabilitati su Tribute band (2)

by | 29 settembre 2011 · 5:20 pm

In ultima analisi

I fan dei Radiohead finiscono in analisi dopo “The king of Limbs”

 

Commenti disabilitati su In ultima analisi

by | 27 marzo 2011 · 9:04 pm

A nord sud ovest est dei Radiohead

 

(chi ha fatto questo mash-up è un genio – via shoegazer)

 

Commenti disabilitati su A nord sud ovest est dei Radiohead

by | 21 febbraio 2011 · 12:19 pm

Forma e sostanza (a proposito della sopravvalutazione odierna dei Radiohead)

Oggi tutti parlano dei Radiohead.  E tutti ne parlano bene. Ma siamo sicuri che non ci stiamo perdendo dietro più alla forma che alla sostanza?
Oggi è arrivato in rete “The king of limbs” e sui social network è tutto un lodare il gruppo e la sua ennesima rivoluzione. Così mi esercito anche io in qualche considerazione, dopo un primo ascolto del disco in una pausa di Sanremo, seduto su una panchina a godermi il primo raggio  di sole della settimana e la prima musica non festivaliera.
Bello è bello, questo disco. Ma non è nulla di nuovo. E’ meno dritto di “In rainbows”, con diverse cose simili alle cose simil-elettroniche alla “idioteque”. Ma la mia personale sensazione è che, quando si tratta dei Radiohead, ci si perda, abbagliati dai loro modi.
Musicalmente i Radiohead hanno “scavallato”: sono un gruppo che, come altri della stessa levatura, ha già raggiunto e superato il punto massimo della propria creatività, e oggi si “limita” a ripetere bene quello che ha già fatto, vivendo anche un po’ di rendita. Come i R.E.M., come Springsteen, come tanti altri.

Ogni mossa dei Radiohead, mi sembra, suscita isterismi di quelli che neanche i Take That dei tempo d’oro. “In rainbows” era un disco bello, onesto, nulla più. Ma diffuso con un’idea forte. Un’idea che non è un modello replicabile, tantomeno una rivoluzione, ma una modalità che andava benissimo per i Radiohead e forse per pochissimi altri; un’idea che capitalizzava la credibilità costruita in anni di duro lavoro.

“In rainbows”  è un disco di cui si è parlato più per la forma che per la sostanza. E così avverrà anche per “The king of limbs”, anche se parzialmente segna un’inversione rispetto a quel modello apparentemente rivoluzionario dell’offerta libera, che tanto ha fatto discutere. Il disco è stato annunciato a sorpresa dopo settimane di depistaggi, e messo in download in anticipo sulla data inizialmente comunicata. E questa volta si paga.
Insomma: i Radiohead sono stati dei geni della musica, oggi sono degli ottimi artigiani del genere che loro stessi hanno creato. Oggi, i Radiohead sono soprattutto dei geni della comunicazione. Sono il simbolo di quest’era, in cui passiamo più tempo a scaricare la musica e a cericarla sui nostri ammennicoli che ad ascoltarla, di questo tempo in cui ci occupiamo più della forma e delle scatole che delle sostanze e dei contenuti.

Commenti disabilitati su Forma e sostanza (a proposito della sopravvalutazione odierna dei Radiohead)

Filed under Nuova musica, Rants

(Meta)Fisica dei Radiohead

(Da The Big Bang Theory, stagione 2, ep. 18)

Commenti disabilitati su (Meta)Fisica dei Radiohead

Filed under Televisione Musicale